02 marzo 2010



La Corte europea dei diritti dell'Uomo di Strasburgo ha accolto la domanda di rinvio alla Grande Camera sull'affissione del crocifisso nelle scuole. Apprendo con vivo compiacimento la notizia dell'accoglimento, da parte della Corte Europea dei Diritti dell'Uomo, della domanda di rinvio davanti alla Grande Camera del caso Lautzi, sull' affissione del crocifisso nelle aule scolastiche, tutto questo perché la Corte si è resa conto dell'effettivo riconoscimento culturale del crocefisso per una buona fetta di popolazione Italiana, in molti casi non tanto per cultura ma per un senso di disdegno sulla pretesa di cittadini acquisiti che pretendono di venire in Italia e pretendere di imporre le loro idee politiche religiose, comunque questa pretesa non è del tutto condivisibile visto che in altre nazioni la cultura e la loro religione non si discute, in altri posti e utopia andare e non rispettare il loro credo o le loro idee politiche.
Il caso della guerra santa dichiarata dal leader libico Muammar Gheddafi, con le seguenti parole: la Svizzera miscredente e apostata che distrugge le case di Allah che la jihad deve essere proclamata con ogni mezzo, esempio di rispetto delle idee altrui e la loro casa, vista che un referendum popolare in Svizzera a voluto una legge che impedisse la costruzione dei Minareti , vero anche che Gheddafi è in attrito con la Svizzera per l'arresto del figlio da parte della polizia Elvetica, in seguito a una denuncia di maltrattamento da parte della sua servitù, ma questa gente che pretende la rimozione del crocefisso a casa nostra accetterebbe una richiesta del genere a casa loro sono certo che non ci darebbero nemmeno modo di proporlo figuratevi di accettarlo, visto che ancora oggi in nome di allah uccidono più di 2000 persone solo perché il loro Dio non si chiama allah ma Dio anche questa è una forma di razzismo ed intolleranza,vedi 11 settembre, alla fine anche la pretesa di rimuovere un simbolo cattolico dalle aule e una forma di intolleranza verso un popolo visto che per chi non crede il crocefisso non è, niente altro che un semplice oggetto come può essere un vaso, solo un oggetto ornamentale.
Mentre queste parole rendono l'idea, delle loro convinzioni assolutamente giuste e indiscutibili : boicottate questa razza miscredente, apostata, che aggredisce la case di Allah», ha insistito Gheddafi, parlando in veste di capo del Commando popolare islamico internazionale, ente da lui creato nel 1991.
Ma visto che a casa loro e così e non si discute a casa mia sarò libero di arredarla come voglio?

2 commenti:

  1. Casa tua sì... ma luoghi pubblici come scuole... o ospedali??? :-)

    RispondiElimina
  2. Ciao stefania la tua come quella di molti e una giusta osservazione anche se la mia idea e quella di preservare qualcosa con cui mi sono cresciuto e alla fin fine non ha mai fatto male a nessuno, più che altro quello che mi infastidisce e la pretesa di chi ha deciso di spontanea volontà di diventare cittadino Italiano, quindi consapevole della cultura e tradizioni della nostra nazione,
    se io vado in un'altro stato accetto e rispetto le loro idee e convinzioni anche se non le approvo, tanto che in Egitto sono andato in una Moschea e la senzazione è stata la stessa di luogo sacro e di pace interna come quando entro in una chiesa per pregare, mi sono messo ad un angolo e ho fatto quello che facevano tutti ho pregato secondo la mia religione senza infastidire nessuno e lo stesso hanno fatto gli altri, alla fin fine Dio è uno che si chiama Allah o Dio il contenuto non cambia, con questo voglio dire che si può convivere bene con o senza il crocefisso, basta rispettare anche le idee altrui ed è solo quello che voglio, vivere in pace accettando le diverse culture senza pretendere di abbolire Chiese e Moschee.
    Il problema è perchè noi dobbiamo modificare i nostri usi e costumi e i loro sono intoccabili, se ricordi un pò di tempo fà una ragazza mussulmana è stata uccisa in Italia dai parenti solo perchè cresciuta in Italia con le abbitudini degli adolescenti locali cioè indossava i comuni jeens classici della cultura occidentale, e vi sono stati anche altri episodi del genere, dopo che abbiamo risolto questi problemi possiamo discutere del crocefisso nei luoghi pubblici.

    RispondiElimina

Per ricevere gli articoli comodamente via Email:

oppure puoi iscriverti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog! Per maggiori informazioni sui feed, clicca qui!

Translate:

Post più popolari

Lettori Fissi:

Condividi su:

Bookmark and Share

Contatore sito