15 luglio 2010

papa-benedetto-xvi Negli ultimi tempi ho più volte scritto dei post di protesta nei confronti della chiesa, per i continui casi di pedofilia emersi a carico di sacerdoti e cariche più alte della chiesa. La chiesa nel frattempo non si dava da fare nel punire ed allontanare in modo deciso e veloce, queste persone. Personaggi che avevano fatto, e chi sa se non hanno continuato a fare, del male a dei bambini e all’immagine chiesa sicuramente, in un periodo così delicato per il mondo spirituale.

I miei post non erano e non sono parole di chi è contro la chiesa e chi la rappresenta, ma da cattolico mi sentivo deluso, oltre alla rabbia per dei gesti così ignobili quale la pedofilia fatte da persone che vivono a contatto con i nostri figli, di cui devi fidarti ed essere punto di conforto nei momenti di bisogno. Persone che devono dare speranza e protezione alle persone deboli, ma tutto quello che è venuto fuori è veramente disgustoso, vedendo che la chiesa invece di prendere di petto la situazione e punire in modo più che giusto questi ministri di Dio che tutto facevano tranne che il loro lavoro di raccolta e protezione delle anime, in questo caso più che innocenti, visto che le vittime erano dei bambini, che oltre alla loro sofferenza per il male ricevuto non avranno mai più fiducia in quelle figure a cui dovevano credere e appoggiarsi nelle varie fasi della loro vita.

Tutto questo perché sono cresciuto in un piccolo paese dove le figure del prete e delle suore che gestiscono in toto l’asilo, per i bambini e non solo erano e lo sono ancora adesso, figure di riferimento nelle varie fasi della loro vita, visto che passano tanto tempo da soli con loro, per questo tutte queste cose uscite fuori adesso non fanno piacere, sapendo che tuo figlio e quelli di altri li affidiamo nelle loro mani.

Per questo oggi leggendo la notizia che finalmente la chiesa vuole intervenire  con mezzi più severi, si è aperta la speranza in un intervento più giusto e decisivo che deve comunque vigilare il più possibile sui suoi rappresentanti, per garantire la vera diffusione della fede e della speranza, e per i fedeli  non aver paura per loro e loro figli.

Non bisogna nascondere le cose alla gente, se si vuole fiducia, ma bisogna ascoltarli e saper ammettere i propri peccati dimostrando la volontà a porre rimedio il prima possibile prima che sia troppo tardi.

0 commenti:

Posta un commento

Per ricevere gli articoli comodamente via Email:

oppure puoi iscriverti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog! Per maggiori informazioni sui feed, clicca qui!

Translate:

Post più popolari

Lettori Fissi:

Condividi su:

Bookmark and Share

Contatore sito