21 settembre 2010
Come avevo gia postato in un precedente post sulla possibilità dei gay di poter confessare il loro stato e nello stesso tempo potersi arruolare nell’esercito per servire la loro patria grazie alla proposta di legge presentata dal partito democratico USA per abolire l’attuale "don't ask, don't tell" (non chiedere, non dire), legge sicuramente ingiusta che discrimina i gay impedendogli di arruolarsi nelle forze armate e quindi poter servire e difendere la loro patria come tutti gli altri americani.
La proposta di legge portata al senato e stata bocciata dai repubblicani che unanimi hanno votato no compreso le due senatrici donne Maine Susan Collins e Olympia Snowe che sembravano indecise, al momento del voto sono state più che decise nel voto unanime dei loro colleghi maschi repubblicani, per poter passare i democratici avevano bisogno di 60 sì, mentre ne hanno ottenuti solo 56, mentre i no sono stati 43. La casa Bianca si è detta delusa dell’esito delle votazioni.
Mi meraviglio che gli USA che parlano e si riempiono la bocca di democrazia e libertà sono così avversi a permettere ai gay di arruolarsi nell’esercito, visto che comunque tutti possono comprare armi per difendersi.

0 commenti:

Posta un commento

Per ricevere gli articoli comodamente via Email:

oppure puoi iscriverti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog! Per maggiori informazioni sui feed, clicca qui!

Translate:

Post più popolari

Lettori Fissi:

Condividi su:

Bookmark and Share

Contatore sito