05 marzo 2013
Che situazione!
Ogni giorno ascolto le notizie e ciò che si apprende è il malcontento o meglio la disperazione di un maggior numero di persone, famiglie intere.
Ogni giorno si dà notizia di una fabbrica, un'impresa che  chiude lasciando a casa i lavoratori, coloro che ogni giorno a casa portavano uno stipendio che consentiva loro di vivere degnamente. Oggi molte persone devono spiegare ai propri figli perchè non ci si può permettere di comprare un gioco o di andare in vacanza.
Ma dove stiamo andando a finire?
I nostri ragazzi non hanno fiducia nella società, difficilmente riescono a sognare un futuro prospero.
E noi adulti che speranze diamo loro? i nostri ideali sembrano così irraggiungibili.
Vero, non si può più parlare di posto fisso, ma questo era quello che ci dava stabilità e ci permetteva anche di poter fare investimenti a lungo termine per offrire un domani migliore alle nuove generazioni.
Ora mi chiedo: il precariato che cosa può offrire? Se io adulto, non sono in grado di garantire di poter pagare le bollette o i libri scolastici di mio figlio, o di portare a tavola tutti i giorni un piatto, che sogni posso suggerire a mio figlio? Devo sempre dirgli: aspetta che forse arriveranno giorni migliori! ma ai ragazzi non piace aspettare, le richieste preferiscono che vengano subito soddisfatte.
E non pensiate che sono depressa o giù di morale!La depressione la vedo sempre più spesso negli occhi dei giovani, quelli che dovrebbero vivere nella spensieratezza.
Io mi occupo di assistenza agli anziani, e credete che neanche coloro i quali hanno vissuto la guerra ed il dopo, ricordano tempi così grigi e privi di fantasia. Ogniuno cerca di portare qualche spicciolo nelle proprie tasche calpestando chiunque ostacoli la strada.
Come uscire da questa situazione? Forse un idea potrebbe essere di cancellare tutto, pensare di essere bambini e fare i primi passi con l'ingenuità e la freschezza di chi non conosce! Camminare insieme, tutti per costruire qualcosa di nuovo, in un mondo dove non esiste la violenza, il sopruso, la vigliaccheria, ecc.

0 commenti:

Posta un commento

Per ricevere gli articoli comodamente via Email:

oppure puoi iscriverti al feed per tenerti sempre aggiornato sui nuovi contenuti del blog! Per maggiori informazioni sui feed, clicca qui!

Translate:

Post più popolari

Lettori Fissi:

Condividi su:

Bookmark and Share

Contatore sito